sabato 21 settembre 2013

Illecito disciplinare per l’avvocato che chiede compensi al cliente, nella fase stragiudiziale, in preparazione di una causa in gratuito patrocinio

La censura è infondata.

In realtà il C.N.F., nel ricostruire l'ambito e la portata dell'istituto del patrocinio a spese dello Stato, dopo aver affermato che l'attività professionale di natura stragiudiziale che l'avvocato si trova a svolgere nell'interesse del proprio assistito non è ammessa al patrocinio, in quanto esplicantesi fuori del processo, con la conseguenza che il relativo compenso si pone a carico del cliente, ha precisato che, ove si tratti di attività professionale svolta in vista della successiva azione giudiziaria - così qualificata anche l'attività espletata dall'avv. C.L. -, essa deve essere ricompresa nell'azione stessa ai fini della liquidazione a carico dello Stato: sicchè in relazione ad essa il professionista non può chiedere il compenso al cliente ammesso al patrocinio a spese dello Stato.

Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 19-04-2013, n. 9529


Nessun commento: