lunedì 9 settembre 2013

Conservazione della garanzia patrimoniale - Surrogatoria - Condizioni e presupposti

L'azione surrogatoria di cui all'art. 2900 cod. civ. non può essere esercitata, per la prima volta, attraverso la proposizione del ricorso per cassazione "omisso medio" (senza, cioè, avere esercitato la medesima azione nella precedente sede di appello, ovvero avendola ivi erroneamente esercitata), non presentando essa caratteri morfologici meramente "rappresentativi" - tali, cioè, da consentire al soggetto in surroga di inserirsi nel processo in forza di un sottostante rapporto, del tutto indifferente per il terzo cui la domanda è rivolta - bensì connotandosi come attuazione di un potere, il cui accertamento processuale è compito del giudice e presuppone una indagine di fatto non compresa nei limiti del giudizio di legittimità (non mutati, "in parte qua", per effetto della modifica dell'art. 384 cod. proc. civ., impugnativa di tipo "straordinario" ad effetto devolutivo limitato, che non dà luogo ad una nuova valutazione del merito della causa, ma alla sola revisione della conformità alla legge (sostanziale o processuale) dell'attività giurisdizionale esercitata e dell'esattezza della pronuncia in diritto resa con la sentenza. (Rigetta, App. Napoli, 18/12/2008)

Cass. civ. Sez. III, 17-04-2013, n. 9233 (rv. 626118)

FONTI
CED Cassazione, 2013



Nessun commento: