sabato 20 luglio 2013

RISARCIMENTO DEL DANNO - Concorso del fatto colposo del creditore o del danneggiato - Evitabilità del danno da parte del creditore ex art. 1227, comma secondo, cod. civ. - Onere probatorio relativo a carico del debitore-danneggiante

In tema di esclusione, ai sensi dell'art. 1227, comma secondo, cod. civ., della risarcibilità di quei danni che il creditore avrebbe potuto evitare usando l'ordinaria diligenza, grava sul debitore responsabile del danno l'onere di provare la violazione, da parte del danneggiato, del dovere di correttezza impostogli dal citato art. 1227 e l'evitabilità delle conseguenze dannose prodottesi, trattandosi di una circostanza impeditiva della pretesa risarcitoria, configurabile come eccezione in senso stretto. (Rigetta, App. Palermo, 11/05/2006)

FONTI
CED Cassazione, 2013

Cass. civ. Sez. III, 16-04-2013, n. 9137 (rv. 626052)


Nessun commento: